venerdì 7 aprile 2017

Avviso di assemblea e varie



Carissimi/e soci/e, vi comunico la convocazione come descritto in allegato. Sia per il nuovo statuto, la cui discussione  è in atto ormai da mesi, sia per il bilancio consuntivo del 2016, l'assemblea riveste una particolare importanza di partecipazione. Le regole e le norme di applicazione per un associazione come la nostra, sono diventate sempre più stringenti, ma è anche vero che, se queste norme vengono applicate, la Pro loco se ne avvarrà economicamente e quindi relativamente per un beneficio per il suo territorio, comprese le varie attività culturali, turistiche, storiche e sociali. Nella riunione sicuramente l'argomento verrà in dettaglio chiarito. Per chi non ha ancora avuto occasione di leggere il nuovo statuto vi allego una copia in relazione alla legge 383/2000, revisionato e corretto dall'UNPLI nazionale.
Per quanto detto sottopongo alla vostra attenzione la seguente comunicazione dell'UNPLI provinciale dell'Aquila:
Carissimi,
vi comunico che la Giunta della Regione Abruzzo, ai sensi dell'art 11 comma 2 (disposizioni finali e transitorie) della Legge Regionale n. 32 del 20 ottobre 2015 "Disposizioni per il riordino delle funzioni amministrative delle province in attuazione della Legge 56/2014", entro il prossimo 3 maggio 2017 dovrà adeguare la legislazione e la programmazione di settore al riordino delle funzioni amministrative ritornate alla sua competenza e fra queste vi è la tenuta dell’Albo Regionale delle Pro Loco. Purtroppo gli Albi provenienti dalle Province evidenziano delle carenze e, quindi, alcune Pro Loco rischiano la cancellazione.
Pertanto Vi invito ad inviare agli uffici regionali preposti, entro e non oltre il 30 aprile 2017 , come previsto:
- il bilancio consuntivo 2016;
- la relazione allegata al suddetto bilancio, firmata dall'organo preposto;
- il libro soci 2016;
- l'organigramma provvisto di recapiti validi di tutti i membri del direttivo e degli organi collegiali ed almeno del Presidente e del Segretario i seguenti dati: indirizzo, telefono, fax, personal, e-mail e/o PEC​

                                                                                           IL PRESIDENTE
                                                                                    BENEDETTO MERCURI

martedì 14 febbraio 2017

Un simpatico ricordo



STORIA DEL GREMBIULE DELLA NONNA (o zinale)

Il primo scopo del grembiule delle Nonne era di proteggere i vestiti sotto, ma inoltre:
  • Era meraviglioso per asciugare le lacrime dei bambini ed, in certe occasioni, per pulire le faccine sporche;
  • Dal pollaio, il grembiule serviva a trasportare le uova e, talvolta, i pulcini!
  • Quando i visitatori arrivavano, il grembiule serviva a proteggere i bambini timidi;
  • Quando faceva freddo, la Nonna se ne imbacuccava le braccia;
  • Questo buon vecchio grembiule faceva da soffietto, agitato sopra
    il fuoco a legna;
  • Era lui che trasportava le patate e la legna secca in cucina;
  • Dall’orto, esso serviva da paniere per molti ortaggi dopo che i piselli erano stati raccolti era il turno dei cavoli; e a fine stagione, esso era utilizzato per raccogliere le mele cadute dell’albero;
  • Quando dei visitatori arrivavano in modo improvviso era sorprendente vedere la rapidità con cui questo vecchio grembiule poteva dar giù la polvere;
  • All’ora di servire i pasti la Nonna andava sulla scala ad agitare il suo grembiule e gli uomini nei campi sapevano all’istante che dovevano andare a tavola;
  • La Nonna l’utilizzava anche per posare la torta di mele appena uscita dal forno sul davanzale a raffreddare.
Ci vorranno molti anni prima che qualche invenzione o qualche oggetto possa rimpiazzare questo vecchio buon grembiule!
Questo racconto è dedicato al ricordo delle nostre nonne!
                                            Letizia

mercoledì 21 dicembre 2016

Buone feste



UN SERENO NATALE ED UN PROSPEROSO 2017
da tutto il Direttivo
Rammentando il libro di Patrizia Tocci “Un Paese ci vuole” vorrei sottolineare   l’importanza che anche  un’associazione” ci vuole.
Verrecchie, dal lontano 1977, ha  una sua Pro Loco, che nel 2017 e precisamente nel mese di marzo, compirà 40 anni, è infatti una delle più anziane associazioni della provincia e forse della  regione.
Per il paese riveste un’importanza sostanziale nel  promuovere il territorio cittadino a livello locale, come punto fondamentale di riferimento  in cui opera, dando impulso al territorio in collaborazione con le numerose associazioni, tra cui l’UNPLI nazionale.
La Pro Loco deve, con l’aiuto attivo di tutti gli associati, essere uno strumento di forza e di rinnovamento nel paese, un elemento stimolante di idee e di progetti da portare avanti con l’appoggio inderogabile dell’amministrazione comunale, per produrre bellezza in armonia con il suo habitat finalizzato al turismo.
Inoltre la Pro Loco, in ogni contesto, ha come condizione il fine di favorire l’aggregazione di persone, volenterose di   “operare” con il fine ultimo del bene del proprio territorio, esercitando una metodologia che snellisce l’iter e riduce gli ostacoli amministrativi; ostacoli che spesso troncano la voglia del fare.
Importante è l’iscrizione della nostra Pro Loco  nell’associazionismo regionale delle Pro Loco, parlando dell’ UNPLI, l’albo in cui sono iscritte le Pro Loco d’Italia. L’essere parte di questo circuito comporta numerosi vantaggi che possono dare, come più volte detto, una boccata d’ossigeno per il settore turistico. La strada da percorrere è ardua, ma stimolante, e quello che oggi stiamo seminando, darà i suoi frutti, poiché non vi è cosa più bella che lavorare per il proprio paese ed il suo territorio con l’opera di volontariato che fa una Pro Loco.
In definitiva un’associazione di persone può creare un collante tra la moltitudine di enti ed associazioni presenti sul territorio con le istituzioni, sia quelli locali ma ancor più, quelli provinciali e   regionali, dove si potrà avere una maggiore visibilità  dei propri progetti   appartenenti al territorio e dove è una risorsa, un punto di forza per consentire lo slancio del paese in collaborazione con tutti i soci, i commercianti e tutti i verrecchiani.
Voglio citare una frase molto pertinente di un villeggiante qui in vacanza, che ha definito “ Verrecchie: il suo territorio, le sue montagne, la sua aria e la sua chiesa vecchia di S.Egidio,  i migliori ingredienti che un luogo possa avere, la Pro Loco: il sapiente cuoco che deve essere in grado di elaborare il tutto, creando un piatto unico e appetitoso”.
Per far ciò la Pro loco ha bisogno di obiettivi programmatici con finalità in linea con lo statuto, cercando di promuovere le attività di promozione sociale, di valorizzazione naturalistica, culturale, storica, turistica ed enogastronomica, tutelando e migliorando le risorse ambientali, turistiche e culturali.  Una delle attività, ormai giunta alla settima edizione, è il Palio di Verrecchie, che la Pro Loco intende migliorare di anno in anno, con lo scopo di promuovere le eccellenze di Verrecchie, creando   quelle attrattive di svago  richiamando il pubblico sul territorio cittadino. L’obiettivo tuttavia si raggiunge solo con il sostegno di tutti e  con l’interesse collettivo. Pertanto il direttivo, nella sua missione di portare avanti la volontà dei soci e i cittadini di Verrecchie, affida le sue speranze ad una piena e sostanziale partecipazione alle attività future della Pro Loco,  questo è l’augurio che ci facciamo per il prossimo anno.
Cogliamo l’occasione per inviare a tutta la popolazione di Verrecchie, a tutti quelli che ci seguono sulla pagina facebook, a tutti gli amici, un sereno Natale ed un prospero  2017.  


Benedetto Mercuri

martedì 20 dicembre 2016

feste natalizie

Vieni a fare le feste con noi,                                                                          
controlla i nostri appuntamenti,
tutti insieme ci divertiremo!                                                       calendario  
La ProLoco di Verrecchie ti aspetta!


venerdì 30 settembre 2016

nuovo STATUTO



                  Vai alla pagina       "NUOVO STATUTO"

                  riportata a fianco, 
leggi  attentamente il nuovo statuto

                  ne discuteremo alla prossima assemblea

martedì 27 settembre 2016

Godiamo l'autunno




Molti credono che l’autunno sia una stagione un po’ malinconica perché ci si lascia dietro le spalle l’estate, il sole, le vacanze… ma venite  a Verrecchie e capirete che non è così! Perché l’autunno da noi, è una girandola di colori che ci conquista con il suo splendore. E’ sufficiente fare una passeggiata in uno dei tantissimi boschi che ricoprono la nostra terra per essere circondati da mille sfumature di rosso e di giallo che ci abbagliano.  Nei prati fanno capolino   diverse specie di funghi che sembra ci chiamino per essere raccolti e assaporati. Ma attenzione! Spesso i più accattivanti sono anche i più letali e non è il caso di avventurarsi in una raccolta se non si è assolutamente sicuri!!!
Noi siamo ancora nella raccolta delle more per le marmellate  e per la raccolta delle nocciole, il monte ne è pieno!
 E che dire delle castagne? Sono il vero simbolo dell’autunno. Il loro colore, il profumo delizioso, il sapore fragrante sono la vera parola d’ordine dell’autunno!  Avete mai camminato al ritmo delle vostre emozioni?  Respirato nel silenzio del bosco? Ascoltato il suono delle stelle?  Non siate pigri, non perdetelo! Una buona offerta di B&B e affittacamere può supplire il non avere a disposizione una casa. La cucina locale vanta   un'antica e costante tradizione di genuinità; l'accurata preparazione di pietanze e la qualità dei prodotti che il pascolo e l'agricoltura offrono, fanno anche dei piatti più semplici, qualcosa di speciale... I prodotti tipici legati alla tradizione pastorale, quindi pecorino, ricotta di pecora,  vengono lavorati artigianalmente garantendo così un eccellente standard qualitativo. E ancora legumi, ortaggi, miele e marmellate di frutta  trovano nei terreni incontaminati   le condizioni adatte a garantire  prodotti di grande qualità.

Vi aspettiamo!!